logo di stampa italiano
 

Utilità IR

Utilità IR

 
 
Sei in: Highlights

Comunicato

HERA S.p.A.: approvati dal C.d.A. i risultati del primo semestre 2010

In crescita tutti gli indicatori reddituali rispetto all'analogo periodo dello scorso anno

Ricavi a 1.805 milioni di Euro (-15,9%)
Margine Operativo Lordo a 313,5 milioni di Euro (+15,6%)
Reddito Operativo a 174,8 milioni di Euro (+21,6%)
Utile Netto di Hera a 62,6 milioni di Euro (+33,8%)


Si è svolto oggi a Bologna il Consiglio di Amministrazione del Gruppo Hera che ha approvato all'unanimità la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2010.
Gli indicatori, in significativa crescita, traggono beneficio da tutte le aree di attività gestite. Il controllo dei costi, i crescenti volumi gestiti e i risultati delle attività commerciali, danno riscontro delle scelte strategiche operate negli ultimi anni.

I Ricavi del Gruppo nel primo semestre 2010 passano a 1.805,5 milioni di Euro da 2.146 milioni di Euro dello stesso periodo del 2009, riflettendo la riduzione dei volumi di trading trattati e dei prezzi delle materie prime energetiche, parzialmente compensata dal buon andamento dell'attività commerciale che ha portato all'aumento della clientela e dei volumi venduti.

Il Margine Operativo Lordo passa da 271,3 milioni di Euro dei primi sei mesi dello scorso anno a 313,5 milioni di Euro del primo semestre 2010, con un aumento del 15,6%, pari a 42,2 milioni di Euro, con un miglioramento del Mol percentuale di circa 5 punti, anche per effetto della minore attività di trading collegata alle mutate condizioni di mercato. Tale risultato, legato in parte alla ripresa della richiesta di prestazioni nell'area Ambiente e agli adeguamenti tariffari nei servizi locali a copertura dei maggiori servizi erogati, si registra anche grazie al buon risultato ottenuto nei settori energetici e al generale contenimento dei costi.

Il Reddito Operativo passa da 143,7 a 174,8 milioni di Euro nel semestre, con un aumento del 21,6%, pari a 31,1 milioni di Euro, in conseguenza del miglioramento del Margine Operativo Lordo e di Ammortamenti e Accantonamenti superiori allo scorso anno per 11 milioni di Euro.

L'Utile Netto di Hera registra una crescita del 33,8%, attestandosi a 62,6 milioni di Euro da 46,8 milioni di Euro del primo semestre 2009, periodo, quest'ultimo, penalizzato per 4,8 milioni di Euro dalla moratoria fiscale.
Beneficiando del pressoché ultimato piano di completamento di grandi impianti, gli Investimenti Operativi sostenuti dal Gruppo nei primi sei mesi del 2010 ammontano a 159,6 milioni di Euro, rispetto ai 192 milioni di Euro dell'analogo periodo del 2009 e si confermano in linea con il Piano Industriale e con le esigenze delle attività operative.

La positiva generazione di cassa operativa del periodo ha finanziato integralmente gli investimenti sostenuti, mentre la Posizione Finanziaria Netta ha raggiunto i 1.970,6 milioni di Euro, rispetto ai 1.891,8 milioni di Euro del 31 dicembre 2009.

Per quanto concerne le singole Aree di business vanno evidenziati i buoni risultati raggiunti nell'Area Ambiente, che in termini di apporto alla marginalità complessiva rappresenta il 31%. Nel settore si evidenzia una crescita significativa rispetto al primo semestre 2009, sia grazie all'entrata a regime del WTE di Modena, che all'incremento dei volumi di rifiuti urbani e industriali trattati (complessivamente +8%). Ciò ha consentito di portare il Mol da 84,3 a 97,1 milioni di Euro, segnando un incremento del 15,2%. Si evidenzia, inoltre, l'aumento della raccolta differenziata, passata dal 45% al 47%, migliorando ulteriormente gli impatti ambientali delle attività gestite.

Nell'Area Gas, che vede aumentare al 35% il proprio peso nel Mol di Gruppo, si registra un incremento del 20,2% del risultato operativo lordo, passando da 90,9 a 109,3 milioni di Euro. Tale risultato è sostenuto dalla crescita dei volumi commercializzati e delle attività di trading, oltre che dall'avvio dell'impianto di cogenerazione di Imola, che ha ridotto i costi di produzione di calore. Anche i risultati delle attività di distribuzione hanno contribuito alla crescita, beneficiando del nuovo sistema tariffario e dell'acquisizione di reti effettuata alla fine del 2009, più che compensando il calo dei nuovi allacciamenti, connesso alla stagnazione del settore immobiliare.

Nell'Area Elettrica, che contribuisce alla composizione del Mol per circa il 10%, grazie all'espansione del mercato, il Mol passa da 26 milioni di Euro del primo semestre 2009 a 31,8 milioni di Euro. L'aumento dei volumi venduti e della clientela acquisita (30mila nuovi contratti) e la migliore marginalità, hanno più che compensato la contrazione delle attività di trading elettrico e la minore redditività delle produzioni elettriche.

Nell'Area Ciclo Idrico Integrato, che costituisce il 21,5% del margine operativo lordo di Gruppo, si denota una crescita rispetto ai valori dello stesso periodo dell'anno precedente. Il Mol passa da 59,5 milioni di Euro a 67,5 milioni di Euro, segnando un incremento pari al 13,5%, sostanzialmente per effetto dell'adeguamento tariffario approvato delle Authority locali a fronte degli investimenti effettuati.

"Siamo soddisfatti dei risultati - ha commentato il Presidente del Gruppo Tomaso Tommasi di Vignano - che evidenziano tassi di crescita e una generazione di cassa in linea con le attese del piano industriale, riaffermando la nostra forza competitiva in tutti i business e la validità delle politiche upstream nei settori energetici. Inoltre, i risultati raggiunti si sono coniugati anche a ricadute concrete sulla clientela, che ha beneficiato di una riduzione delle tariffe applicate ai servizi energetici, sfruttando l'abbassamento del costo delle materie prime."

"L'elemento più significativo della crescita del primo semestre è dato dal contributo positivo di tutte le aree di business - ha sottolineato l'Amministratore Delegato di Hera Maurizio Chiarini - con apporto equilibrato sia delle attività regolamentate che di quelle a libero mercato. L'origine di questi importanti risultati è da attribuire a un assetto impiantistico di prim'ordine, effetto del completamento di una fase significativa di investimenti, che potranno permettere uno sviluppo efficiente, garantendo alti livelli di servizio e di performance ambientali, nell'ottica di una continua attenzione al cliente e alla sostenibilità della crescita".

La relazione semestrale consolidata del Gruppo Hera al 30 giugno 2010 è stata redatta in osservanza ai criteri IAS come previsto per le società quotate dall'art. 81 bis del Regolamento Emittenti n. 11971/1999, modificato dalla delibera Consob n. 14990 del 14 aprile 2005. I dati sono di conseguenza in conformità al principio contabile internazionale n. 34 concernente l'informativa finanziaria infrannuale. Il Gruppo Hera adotta i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs), a partire dai risultati semestrali dell'esercizio 2005.

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, dott. Luca Moroni, dichiara, ai sensi dell'articolo 154-bis, 2°comma del Testo Unico della Finanza, che l'informativa contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

 
I risultati del primo semestre 2010
 
Vuoi farci una domanda?